Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SLOVENIE. Polemichis in cont di referendum ancje pal Parlament sloven

............

Puedial il president dal parlament blocâ un referendum abrogatîf se al stime che al sedi un abûs de bande di chei che lu proponin? Lu varà di decidi la Cort Costituzionâl slovene, che a chê si è indreçât il Sindicât dai lavoradôrs pendolârs, dopo che il president dal parlament Milan Brglez sul tacâ di Mai al veve blocât, cundut che a fossin stadis racuetis lis firmis necessariis pe promozion, sîs iniziativis referendariis. I cuesîts, però, no rivuardin leçs che a àn tant che ogjet materiis coreladis aes cundizions dai lavoradôrs pendolârs. Si trate di fat des leçs su lis unions civîls, su la tutele cuintri la discriminazion, su la atuazion de normative UE doganâl, su lis tassis aministrativis, su la tutele dai bens culturâi e de leç navâl. Il president, sintût il parê dal Ufici juridic legjislatîf dal parlament, al veve valutât chestis propuestis di abrogazion tant che un câs di abûs dal istitût dal referendum o, miôr, dal sfrutament di chest istitût de bande dai lavoradôrs pendolârs, par condizionâ la ativitât legjislative e otignî dirits particolârs.
I lavoradôrs pendolârs a tentin aromai di fat di mês, cence sucès, di risolvi un contenziôs cul guvier su la tassazion dal lôr lavôr fat tal forest. Che, secont lôr, e sarès no sostignibile e inicue. I lavoradôrs a vevin declarât ancje in maniere publiche l’intindiment di doprâ i referendums tant che un metodi par puartâ indenant la proteste. Brglez alore al à impedît l’inviament de racuelte firmis pe indizion dai referendums e al à inviât lis leçs al president de republiche Borut Pahor che lis à promulgadis.
La Cort Costituzionâl e à cjapât timp (il massim previodût) domandant altris sclariments a Brglez e al parlament stes che intant al à mandât indaûr la mozion di sfiducie al president, proponude dal massim partît di oposizion SDS (partît democratic sloven di centri diestre, ndr).
Ma ancje inte coalizion di guvier al è cui che nol è dal dut convint de legjitimitât de decision di Brglez e le à definide une iniziative personâl. Si spietisi, duncje, che al rispuindi in maniere personâl, intal câs là che la Cort Costituzionâl e dei reson al Sindicât dai lavoradôrs pendolârs. Altris ancjemò a ritegnin che chest gjenar di decision no jentri intes competencis dal president dal parlament e che su la cuistion e varès vût di esprimisi la assemblee parlamentâr.
In Slovenie la dissipline sul istitût referendari e je regolade de leç sui referendums e su lis iniziativis popolârs. A puedin jessi proponûts di eletôrs singui, partîts o di une associazion di citadins. La domande pal inviament de procedure referendarie e à di jessi presentade dentri di siet dîs de aprovazion de leç che si vûl abrogâ e al à di jessi sostignude di almancul 2.500 eletôrs. Po dopo il president dal parlament al fisse il periodi di 35 dîs che dentri di chei i proponents a àn di racuei lis firmis di almancul cuarante mil che a àn dirit al vôt. Intal câs là che il referendum al ven in efiets fat, nol è previodût il superament di un quorum cemût che al sucêt intal Stât talian. Par che la leç e vegni abrogade però, nol baste che dilunc de consultazion a prevalin i «sì» ae abrogazion: il lôr numar al à di jessi almancul un cuint di ducj i citadins che a àn dirit al vôt. In câs di sucès dai referendums, il parlament par un an nol pues aprovâ nissune leç in contrast cu la decision dai eletôrs. A son previodûts, ancje se regolamentâts in mût diviers, referendums costituzionâi, consultîfs, la promozion di leçs di iniziative popolâr e petizions. ❚
Tjaša Gruden

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +