Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SIUMS DI STORIE. Il Grant Bot

............

La rubriche storiche e continue ma cuntune variazion: cemût saressie stade la storie dal Friûl se no fos lade come che invezit e je lade te realtât? Noaltris o provìn a rispuindi cussì…
***
Cemût che e je lade
La fisiche nus conte che l’univiers al è nassût di un grant bot, ven a stâi di une esplosion cosmiche che e sarès stade produsude di une specie di infart de materie, cumbinade cu la energjie, intun pont cussì piçul e cussì plen e striçât che nol podeve fâ altri che tonâ, pandint in ogni direzion chê che e sarès deventade la malte par tignî insieme lis stelis, i lôr planets, lis galassiis e la maraveose bielece dal firmament. Miârs di agns di flamis, lave, gas, gravitazion, esplosions, a formâ ancje, jenfri chei altris, il nestri soreli, e intor di lui il so sisteme, cu le tiere a fâi la file insieme a dute la “rotazion di balis”, piçulis o grandis, che di in chê volte i azirin ator. E la nestre Patrie cun lôr, tal grum di dute cheste gjostre sflandorose di luminariis e di mulignei e zirandulis. L’esperiment fat cualchi an indaûr cul telescopi Hubble, al à permetût di ricostruî un viaç straordenari partint di un particolâr picinin come la man di un om distirât intun prât a Parîs, par rivâ – di zoom in zoom, di ingrandiment in ingrandiment – fin ai confins di cheste deflagrazion, che e je ancjemò daur a slargjâsi sul confin cul nuie, come che nus contin i astrofisics, barufant cui filosofs e cui teolics, cence sperance di cjatâ fûr une veretât che e sedi condividude di ducj. Misteri dal Om, dal Timp, dal Spazi. Cuistion metafisiche. Grande sospension di ogni judizi. Ma se invezit…
***
Cemût che e podeve lâ
Si visaiso di chê conte dal scritôr talian Italo Calvino là che lui si imagjinave cemût che il mont si jere formât? Al faseve part des “Cosmicomichis”. Ma pensâle par furlan e devente ancjemò plui golose. Parcè che se, pardabon, al principi di ogni principi dut al jere concentrât intun pont, e no dome il spazi, la materie, le energjie, ma ancje il timp, tal so glimuç di presint, di passât e di potenzialitât future, e cussì al sarà ancje ae fin di dut, cuant che – come intun mulignel apocalitic – dut al tornarà a sierâsi in chel stes piçul pont une altre volte (e cuissà mai ce tantis voltis che al è benzà sucedût), jo o pues dome che imagjinâmi une situazion pardabon strambe, là che no dome le glesie di Sant Just di Triest si cjatarà a jessi striçade jenfri la lobie dal cjistiel di Udin, ma ancje il stes Sant Just di persone, cu la sô mitrie e il so pastorâl, lu sburtaran a fuarce dentri tal domo di Vençon, cu lis mumiis che a bruntulin parcè che a ‘nd àn une fote e mieze di triestins che a vegnin su la place dal paîs a spassizâ cuant che invezit il timp al varès di jessi doprât par fâ alc di sest, come che ur à insegnât il patriarcje Bertrant. Ma il timp in definitive nol esist ancjemò, dal moment che nancje il spazi al è propit formât, e come che al predicjave chel cjavat di un Einestein, spazi e timp e vadin simpri a spas insieme. E lu ripet ancje cumò, Einstein, dentri de damigjane di vin inte cantine de ostarie de Patrie dal Friûl, a Cjampuarmit, cirint di calcolâ lis probabilitâts di podê incuintrâ Napoleon che al firme il famôs tratat, cuant che invezit il Buonaparte al sarà liofilizât sepidiu dulà, in cualchi buse di carûl dal Mont. Grandonone la sorprese dai abitants di Colonie Caroya, che dopo cualchi centenâr di agns si son cjatâts pleâts intun plet di lidric di un ort cjargnel, verificant finalmentri che lis contis dai lôr antenâts a jerin dutis veris: il formadi frant, il frico, il muset cu la broade no son mîts, ma une veretât de Storie. Pecjât che jenfri chel pont a sedin miscliçadis cul peton che al zire in dutis lis betonieris parcadis dongje des cjasis di ogni furlan, di Aquilee fin a Timau, che – par vie de striçadure cosmiche – al volarès dî di Boston fin a Deli. E ce biel sintîju fevelâ tal lôr furlan di Argjentine, chei di Colonie, mentri che a cirin di fâsi capî di Giulio Cesar che si è pierdût cui siei legjonaris tal marcjât di Sante Catarine in Zardin Grant. No us conti di Belenos, il diu dai Celts, che al cîr di dimostrâ ai teolics di Rome che la fieste de Tafanie le à inventade propit lui, piant i fûcs dal solstizi. E par jessi plui crodibil in cheste sô afermazion, ju sfulmine ducj, un par volte, come che a fossin fusetis dal prin dal an. E jù,  i fraris de Sante Incuisizion a dâi cuintri: par fortune che a son ducj involuçâts tes sclofis di panole che Menocchio al dopre par jemplâ i materàs di vendi ai siôrs deputâts di Rome. Cualchi volte al somee che e sedi une justizie universâl, magari ben pleade inte tabachere di Arturo Malignani, che si gjolt un gjelât a Pesariis, incrodat di un ingranaç di orloi e smicjant di là sù lis sôs machinis eletrichis, che a distance di cent agns a tachin a jessi dopradis, finalmentri, ancje se in vie dal dut sperimentâl. “Ce dal diaul isal po chest casin?”, e berle une biele massarie furlane che no cjate plui la bree de polente e pûr e à bisugne di butâle, che e je une ore che e poche cul mani di len… E sarà ben pronte par dute chê sdrume di int che, jessint striçade tal stes pont, e olme un profum che no rive plui a resisti! Cussì e sburte un tant di ca, e piçuche, e stice, e proteste fin cuant che e cjate il spazi just par sconzelâle, cheste polente cosmiche e universâl. E al baste par fâ di gnûf il Grant Bot e cun lui il Mont, cuntune sperance gnove di jessi un tic plui di sest, par vie de polente, di chel di prime. Un auguri che ancje jo, che o scrîf chestis fufignis, finalmentri jessût dal “grignel di storie” là che mi jeri cjatât a jessi involuçât, us pant a ducj cuancj, di cûr. ❚
Angelo Floramo

L’EDITORIÂL / La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul

Zuan Marc Sartôr
Belle époque. Un student di Gurize al viaze cul tren dilunc la Südbahn (la Ferade Meridionâl, di Viene a Triest). Al torne a cjase dopo agns di studi inte universitât de capitâl imperiâl. Al à frecuentât la preseade facoltât di fisiche, là che si davuelzin lis prestigjosis lezions dal professôr Jožef Štefan, il famôs fisic […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +