Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Pôc plui di 500 agns prime dai 3 di Avrîl 1077… al nasseve il Friûl!

............

Se ai 3 di Avrîl si fâs fieste pe istituzion dal stât patriarcjâl, il prin stât furlan al è nassût cinc secui prime, di un precîs tal 568, in graciis dai Langobarts. Juste ai 2 di Avrîl di chel an i Langobarts, judâts di lôr aleâts, a lassavin la Panonie par passâ lis Alps e par fondâ il lôr ream in Italie. Il prin pas par puartâ insom chest intindiment al è stât chel di istituî il Ducât di Cividât. Propit di Cividât, midiant di chest ducât, il non di Forum Iulii al è passât, de citât, a dute une regjon europeane.
Il Friûl duncje, almancul chel politic, al nas cui langobarts e al nas cu la fuarce di une realtât autonome: plui un stât confederât al Ream di Pavie, che no un so domini.
Par capî il Friûl langobart si pues cjalâ il compuartament dal prin duche, Gjisulf, e dal ultin, Rotgaut.
Tal 568 il re Alboin al cjale il Friûl nome di prime regjon concuistade: le da in man a Gjisulf, so scudîr, ma Gjisulf al implante daurman un sisteme che nol sedi perifarie o frontiere di un stât centrât di cualchi altre bande: impen di bussâ la man di Alboin, no si contente e al pretint i mieçs par vê une sô indipendence militâr. Di in chê volte il duche no si compuartarà di sotan dal re, si ben di aleât, di cjapitani di un esercit che si moveve sot comant so e di nissun altri.
Tal 774, cuant che Carli il Grant al concuiste il ream langobart, l’esercit furlan dal duche Rotgaut nol è a lotâ a Pavie, ma al vinç cuintri dai Francs su la Livence, par sigurâ la libertât dal Friûl: dopo doi agns, tal 776, Rotgaut, cuintri dal so interès personâl, al lote di gnûf par difindi la autonomie furlane, al piert e al mûr di eroi. Ma la voie di sovranitât e il spirt di autonomie dal Friûl langobart, magari subissantsi te grave de storie, come la aghe dai nestris flums, no son mai muarts: a rivin fin a nô. ❚
D.V.

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +