Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Se il formadi al cjape di madrac

Enos Costantini
Bianca di Cjamin di Buri fotografade cuant che e veve nûf agns, dal 1959. E pesave 10,64 cuintâi e te ultime latazion e veve molzût 47,63 cuintâi di lat cul 4,20% di gras. E mangjave jerbe di prât e jerbe menighe. Il formadi al jere bon tant fresc, che mezan, che di gratâ.
Bianca di Cjamin di Buri fotografade cuant che e veve nûf agns, dal 1959. E pesave 10,64 cuintâi e te ultime latazion e veve molzût 47,63 cuintâi di lat cul 4,20% di gras. E mangjave jerbe di prât e jerbe menighe. Il formadi al jere bon tant fresc, che mezan, che di gratâ.

No si piert nome une lenghe, si piert il savôr des robis e si piert la economie dai lûcs

Jerbe, vacje, lat, latarie, formadi. Cuntune deviazion, che nissun si çugnave daûr, viers il mussulin.

Une filiere. Ducj le cognossevin, ancje il miedi, il farmacist, il plevan, il peçotâr (mistîrs un plui util di chel altri), no nome i contadins (il mistîr plui util di ducj, se no chei altris no metin la cite sul spolert). Nissun veve mai sintût il non “filiere” (al ven dal francês filière), ma ducj le cognosseve.

Cumò al è di mode fevelâ di filiere “curte”, come che al è di mode fevelâ di “ecelencis dal teritori” (tropis a ‘nt cognossêso?) e di “tipicitât” dai prodots de agriculture e des industriis agrariis (se dut al è tipic, nuie nol è tipic).

Restìn su la filiere. Su la filiere curte. Un formadi fat in Friûl, un persut fat in Friûl: filiere curte? Ma dulà? Se une vacje di Surisins Disore e mangje semence di coton e un purcit di Surisins Disot al mangje soie de Amazonie, la filiere non je curte, e je tant lungje che plui di cussì no si pues. Il formadi e il persut sarano tipics? Ma dulà? Come che si dîs par furlan: “lis robis lungjis a deventin madracs”.

In Friûl no fasìn coton, ma ben soie. Se cheste soie (un fasuli pai purcits) e salte fûr dal Friûl par lâ sepidiu dulà e e torne di un altri sepidiu dulà tant che cuesse di purcit par vignî a cjapâ l’aiar bon, climatizât par altri, a St. Daniel on the Hills, no si pues dî che la filiere e je curte: disìn che la filiere e va a madrac vie.

No dîs che il persut di St. Daniel on the Hills nol sedi bon, o dîs che fevelâ di filiere curte e di tipicitât pai nestris formadis e pe nestre robe purcine e je spes une bausie o une ipocrisie.

– Baste che al sedi bon! – si disarà.

Benon, alc al è alc, ma i formadis a son simpri plui lamis e il persut bon tu âs propit di lâ a cirîlu, e pussibilmentri cun cualchidun di St. Daniel on the Hills che, come che si dîs vuê, “al cognossi il teritori”.

Jerbe, vacje, lat, latarie, formadi che si diseve. La vacje di Surisins Disot e mangjave la jerbe di Surisins Disot, cualchi volte chê di Surisins Disore, ma dificil plui lontan. La latarie e jere a Surisin Disot e il formadi lu mangjavin chei di Surisins Disot. Km 0, a disin vuê. Se a ‘nt vanzave, al leve a Udin o a Triest; ancje i citadins a àn dirit di vivi.

Po, a àn tacât a dî: ce vûstu che al sei se invezit di jerbe lis vacjis a mangjin insilâts, farinis americanis, semence di coton. Nuie, ce vûstu che al sei, il lat al è simpri blanc e il formadi salacor plui bon. E ce vûstu che al sei se si cambie vacje: invezit de furlane blancje e rosse o fasìn la stale cu la americane blancje e nere. Benon, e molç ancje di plui, e il lat al è simpri blanc e par chel il çuç nol cjape di scarpet.

E ce vûstu che al sei se tal puest de vecje cjalderie di ram o metìn une gnove cjalderie di açâl dute lusinte? Cussì o contentin chel tabaiot di venit che le finirà di tontonâ sui vantaçs des cjalderiis di açâl che lui al vent. E ce vûstu che al sei se al lat i din une scjaldade plui fuartute, che e copi la microflore naturâl, tant o comprìn chê che e rive di sepidiu dulà: cussì o vin mancul fastidis casearis. E ce vûstu che al sei se su la crodie o din une sborfade di natamicine, che al è un antibiotic? Cuistion di shelf life, come che si dîs vuê. Vuê si disin tantis robis, jo us a ‘nt dîs nome une: se la filiere e je cambiade in ogni passaç, la filiere no je plui chê che à fat la innomine dal prodot. O no?

Viodìn mo: il savôr dal formadi al vignive di ce a cjatavin te tresêf lis bestiis (jerbe verde o jerbe secje) e de microflore naturâl (il formadi, çuç pai cjargnei, al è un prodot microbic). Se no je plui la jerbe, se no son plui i microbis (no si disinfete nome la stale e il luvri, si disinfete ancje il lat) il formadi al varà un altri savôr. Lami. Tant che par gratâ si dopre il Parmigjan o, magari cussì no, il Grana Padan.

Une robe che nissun si è çugnât di pensâ: in Friûl no si faseve ni masse lat ni masse pôc, si faseve chel tant che la jerbe furlane e permeteve. In ecuilibri cul ambient, doprant une “risorse” rinovabile (baste soreli e ploie), insome il massim de ecologjie e de economie. Tant al è vêr che, dopo de prime vuere mondiâl, la industrie che si è ripiade daurman e je stade chê dal lat, par vie che la jerbe le vevin su la puarte di cjase: no par nuie o sin rivâts a 650 latariis. Une par cjampanili, e ancje di plui. Po a àn tacât a dî che lis latariis a son masse piçulis. No jerin ni grandis ni piçulis, si faseve lat secont che si veve jerbe. “Si fâs cun ce che si à” al è, al jere, un biel motto furlan.

I timps a cambiin, lu diseve ancje Bob Dylan e nol è plui il Friûl di une volte, chel si sa.

Il fat al è che nol è plui il Friûl, sacrabolt. ❚

 

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +