Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

La letare

............

LA CUISTION: L’edifici antîc di Place Patriarcjât a Varian, cognossût tant che “ex becjarie”, al è in pericul di demolizion: il Comun di Basilian, tal mês di Lui stât, al à deliberât l’abatiment che al sarès funzionâl al rifasiment de place e ae riorganizazion de viabilitât.
Al è nassût un comitât cuintri de demolizion, che al à atestât cence fal che la cjase di sdrumâ e je stade la Cjase de Comunitât di Varian, chê “Cjase de Vicinie” o “Cjase dal Comun” dulà che, almancul tacant de seconde metât dal Cinccent, i cjâfs di famee si devin adun par decidi intune su lis materiis plui variis: des decisions sui confins des tieris, ae aministrazion dai bens de glesie di Sant Zuan Batiste, ae gjestion dai pascs comuns. (Redazion)
Bundì a ducj,

o soi un student universitari che al à dedicade une riflession ae cuestion de ex Cjase de Vicinie di Varian, paîs dal Comun di Basilian. Su chest cantin si à cjacarât pardabon une vore, ma su un pont, par gno cont, no si à cjalcjât avonde, ven a stâi sul fat che cheste vicende no rapresente dome un episodi di interès locâl ma ancje e soredut il simbul di une problematiche che e dovarès jessi tratade cun impuartance estreme in dute Italie: la conservazion dal tesaur storic nazionâl. Rivâ ai nestris dîs e inacuarzisi che ancjemò no esist une sensibilitât distribuide cun uniformitât fra i politics e lis aministrazions dal patrimoni che il passât nus à tramandât, pardabon mi lasse no dome sconciertât ma ancje pessimist, parcè no si à ancjemò capît che il progrès nol consist intal scancelâ lis olmis dal passât, ma ben intal ricognossi la ricjece di chestis olmis e metilis tal centri di politichis di recupar e di valorizazion. Dome cussì i nestris paîs a podaran mantignî une identitât, che une vore spes o vantìn tant che incorutibile e esente di ogni stravuelziment. La conclusion e à viodude la vitorie di un conservatorisim storic, che nol à nuie di vieri e che si contrapon a un modernisim sfrenât e steril. O conclût cuntun estrat rigjavât dal discors che il professôr Vittorio Sgarbi al à tignût domenie ai 11 di Otubar in riferiment a chest câs: “Il passât al è sacri; un lûc che al à chê storie al à di jessi riconsacrât”.
Enrico Rossi, Udin ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +