Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

“In File” par cirî une direzion pal Friûl di doman

Walter Tomada

Ai Colonos la rassegne “Tal respîr dal mont” e tamese il spazi identitari di un popul che al ven di lontan

Dulà vadial il Friûl di vuê? Ai Colonos, la edizion 2023 di “In File” e tamese il gnûf spazi identitari che si messede aes nestris lidrîs che a van jù in profonditât e indaûr intai secui. Si jentre “Tal respîr dal mont” (titul che al ven di un viers di Pierluigi Cappello), intune dimension che e ven esplorade, come simpri, sot de direzion artistiche di Federico Rossi e di chê sientifiche di Angelo Floramo, cul jutori di Regjon e ARLeF, cu la poie des Distilariis Nonino e di CiviBank, e in colaborazion cul Comun di Listize, cu la Consulte dai Zovins dal Comun di Mortean, la nestre Clape di culture La Patrie dal Friûl e la Ostarie di Bic a San Denêl.
◆ La esplorazion e tache de mapadure storiche di ce che e je la nestre tiere: «Questo paese dunque è tutto lieto di vaghi colli et chiari fiumi», al cjante Jacopo Valvason di Manià tal 1568 te sô “Descrittione della Patria del Friuli”, che par 400 agns e à durmît te Biblioteche Vuarneriane cence jessi valorizade. A mostrâ la sô bielece inte scree de rassegne (ai 22 di Zenâr) al è stât propit Floramo, cu la musiche di Elisa Fassetta al violoncel e lis leturis di Marta Riservato, intun spetacul là che il Friûl dal Cinccent al ven piturât come une crosere di storiis che a rivin dai cuatri cjantons dal mont: e cheste nature plurâl de nestre tiere e je ancjemò une des sôs fuarcis.
◆ Secont apontament (ai 29 di Zenâr) cu la maravee di mosaics di Acuilee, spiegâts dal lôr studiôs plui profont, Gabriele Pelizzari de Universitât Statâl di Milan, in dialic cul diretôr de “Patrie” Walter Tomada. Lant daûr des ricercjis di Guglielmo Biasutti, Gilberto Pressacco, Renato Jacumin e Remo Cacitti, il studiôs al à incuadrât il progjet teologjic, religjôs e figuratîf dal paviment musîf e la sô precise orientazion spaziâl.
◆ “De Saporibus: la culture parecjade” (ai 5 di Fevrâr) e je invezit une fabulazion culinarie cun degustazion a partî di un ricetari antîc dal secul XII che al jere stât di Vuarneri, scrit in lenghe arabe di un Ebreu intune scuele islamiche e voltât par latin di un munic cristian. Un miscliç di culturis par un miscliç di savôrs: ancje chi al ostîr Fabio Gasparini e ae coghe Paola Moreale si zontin lis torototeladis di Angelo Floramo.
◆ Par scuvierzi se il Friûl e je une piçule o grande Patrie al è ben scoltâ, ai 12 di Fevrâr, “MicroMacrocosmus”, lis relazions di Andrea Tilatti e Gabriele Zanello. l doi docents de Universitât di Udin a sclariran il leam storic tra il Friûl e lis premessis culturâls dai popui che si son incrosâts chenti, lassant lis lôr testemoneancis, di grande origjinalitât, ancje – o soredut – linguistiche.
◆ Se la realtât e je complessitât, l’avignî nus proiete viers “Gjeografie virtuâl e autonomie digjitâl”. Ai 19 di Fevrâr Davide Bevilacqua al discor cun Michele Bazzana sui mûts alternatîfs a pet de organizazion capitaliste di organizâ l’ûs de rêt, mediant de decressite tecnologjiche: Internet a basse potence, self-hosting, spazis virtuâi e rêts iperlocâls, data center autoctons, permacomputing… Ae fin dal incuintri, Enrico Maso e Marco Fabbro a presentin “33/16”, la prime serie web par furlan in realtât virtuâl: dute la serie e sarà mostrade cui visôrs in 3D ai 26 di Fevrâr, cuntune proiezion imersive di stamp sensoriâl, percetive e emozionâl, là che si vignarà catapultâts dentri di une storie, zirade cun videocjamaris a 360°.
◆ Par trop virtuâl che al sedi, il Friûl al à une zoventût che e cjamine “Cul futûr sot da lis ceis”. Al è chest il titul de videoinchieste che Martina Delpiccolo e Angelo Floramo a àn realizât cu la regjie di Paolo Comuzzi lant a scrutinâ, tal spirt dal “Sogno di una cosa” di Pasolini, i obietîfs e lis pôris dai zovins furlans di vuê. Il risultât al sarà proietât in dôs pontadis, ai 20 e ai 23 di Març, te Cjase de zoventût di Lavarian, cu la colaborazion de Consulte zovins dal comun di Mortean. E sarà une maniere di dâ vôs ai siums, ma ancje aes insigurecis e aes rabiis di chê gjenerazion di zovins che la societât no scolte plui, scuvierzint visions sorprendentis dal mont e de vite. ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +