Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CULTURE – La lustre matetât dal siôr Chissot furlan

............

La inciertece tant che risorse e ricjece, il cjalâ al doman come a une dimension dulà metisi simpri in zûc cun spirt di fadie e cul dubi che al sburte a no fermâsi mai: su chestis fondis, trê atôrs furlans (Fabiano Fantini, Elvio Scruzzi e Claudio Moretti) di trente agns a cheste bande a àn metût sù une compagnie, clamade “Teatro Incerto”. I trê, lant daûr ae passion pe recitazion, a àn puartât in sene tantis oparis di sucès, scritis di lôr par fâ dal teatri un lûc di cressite, cence la volontât di imponi ideis ma cu la brame di vierzi barcons di riflession intune societât che e mude e che, dut câs, no piert il gust di cirî il biel da la Art. E il plui des voltis lu àn fat doprant il furlan, sigûrs che il teatri al sedi un lengaç là che a puedin cjatâ puest dutis lis lenghis, soredut il furlan che al è il lengaç dal cûr, musicâl, libar e bon di jemplâsi ancje di comicitât.
L’ultin lavôr dal “Teatro Incerto” al è il “Don Chisciotte” par furlan, ispirât al romanç di Cervantes ma riviodût cjapant il sburt di tocs di Erri De Luca, Hikmet, Terry Gilliam, Orson Welles e altris. Ambientade tal Friûl di vuê, la storie e conte di une companie amatoriâl scancarade (formade di un regjist, un casseintegrât e un disocupât, ma plen di ce fâ!) che e à vût un jutori public par meti in sene une opare par furlan. Al è un classic câs di metateatri, ven a stâi di “teatri tal teatri”, là che i trê e cirin cun mil fastidis di contâ la storie di siôr Chissot (di no confondi cu la famee dai Chissore!), un om plen di ideâi che al zire pes tieris pustotis dal Friûl e al scombat cuintri mulins a aghe che tal so cjâf a deventin orcui di frontâ par rivâ a pandi il so messaç: chel di tignî di cont la lustre matetât che e permet di lâ daûr dai siums e di conservâ simpri impiade la lûs de cussience e de culture, te ciertece che a son chestis dôs suazis a saceâ pardabon l’om e a dâi un avignî.
Ve, alore, in pocjis batudis, il struc dal spetacul che al à fat il sodebut a Codroip il 27 diZenâr e che al torne in vore aManià al 1n di Març, a Udin al Teatro “San Zorç” ai 8 di Març, a Sant Denêl ai 10, a Çopule ai 11, a Premariâs ai 12, a Sant Vît dal Tiliment ai 13, par finî a Palme ai 15.
IN CURT
Il Comun di Tumieç, in colaborazion cu la Associazion culturâl “Accademia Sperimentale dello Spettacolo della Carnia” al organize la prime edizion dal Festival di Primevere in lenghe furlane, riservât a compagniis amatoriâls dal Friûl-VJ, che si davuelzarà te ultime fin di setemane di Mai.
Par partecipâ, si à di consegnâ lis voris dentri dai 15 di Avrîl dal 2011.
Par informazions, si pues clamâ il Comun al numar 0433-487961.
Ilarie Colùs

Int di Cjargne / Magjie a Cjarsovalas

Marta Vezzi
Un dai lûcs dai Pagans in Cjargne Cjarsovalas, il paisut dai Pagans, al è sore Val e Rualp, frazions dal Comun di Darte, a 1.350 metris sul nivel dal mâr. “Al è un dai lûcs indulà che o puarti di plui la int – e conte Fides Banelli, mestre in pension che a fâs ancje […] lei di plui +

L’Editoriâl / Cuant vignaraie la “adunade” dai furlans?

Walter Tomada
Tropis vitis aial il Friûl? Al sarès biel se a’ndi ves siet, come i gjats: o cetantis di plui, come i protagoniscj di tancj videozûcs che ur plasin ai nestris fantats. Magari cussì no, dut câs, un popul nol è mai bon di vivi dôs voltis: se i tocje disparî, al sarà par simpri. Se […] lei di plui +

Festival di Poesie Alpine / Autôrs di Ladinie, Grisons e Friûl a confront

Gabriele Zanello
Tal incuintri di Bressanon ancje lis vôs di Gigi Maieron, Nelvia Di Monte, Gianluca Franco, Francesco Indrigo, Luigina Lorenzini e Antonella Sbuelz Tra lis comunitâts furlane, ladine e rumance a esistin relazions identitariis e culturâls une vore antighis, che massime tai agns Setante e Otante a àn vût un moment di gnove sfloridure ancje sul […] lei di plui +