Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Catalogne e Scozie: la oportunitât par une Europe divierse

............

Ai 11 di Setembar lis organizazions Assemblea Nacional Catalana e Òmnium Cultural a àn rivât inte imprese di inmaneâ la plui grande manifestazion viodude in Europe intai ultins agns cul puartâ a Barcelone 1.800.000 personis che a domandavin di podê votâ pe indipendence de Catalogne. Ancje cul sburt di chê iniziative, ai 19 di Setembar il Parlament catalan al à fate buine cuntune grande maiorance une leç su lis consultazions popolârs che i à permetût al president de Generalitat (guvier catalan), Artur Mas, di firmâ il decret par inmaneâ un referendum su la indipendence ai 9 di Novembar. La volontât popolâr catalane si scuintre però cul no plui totâl des istituzions spagnolis. Cun di fat, il tribunâl costituzionâl spagnûl (di nomine politiche) al à blocât i doi ats su domande dal guvier di Madrid. Che si trati di un at dal dut politic e no di rispiet des leçs al è evident se si pense che l’esecutîf spagnûl, vuidât di Mariano Rajoy (PP), al veve za decidût di impugnâ leç e decret inmò prime di viodiju. Il braç di fier al promet duncje di lâ indenant e di jessi simpri plui grivi.
Cun riferiment a ce che al è sucedût o al è daûr a sucedi in Scozie (viôt ancje la rubriche Friûl Europe a pagjine 6, ndr) e in Catalogne al è il câs di zontâ ancje un pâr di riflessions. Prin di dut al è di dî che il vôt scozês al dimostre che il dogme de impussibilitât di tocjâ i confins di stât al è colât aromai ancje te Europe ocidentâl e che, se e je la volontât politiche (e la responsabilitât e cole su lis spalis dai guviers centrâi e no su lis comunitâts che a rivendichin il dirit di decidi dal lôr avignî), il percors pe autodeterminazion si pues gjestî in maniere civîl e democratiche. Si à po di zontâ che, intun moment là che la int e je simpri plui schifade de [classe] politiche e là che il populisim al fâs di paron, cui che al è bon di proponi un progjet vêr di cambiament al rive a tirâ dongje lis personis e a rindilis part vive dal progjet stes. Par finî, in Scozie compagn che in Catalogne, o sin testemonis di un confront tra doi modei une vore diviers tra di lôr: chel indipendentist che al fâs indenant propuestis, al svilupe modei sociâi e economics alternatîfs, e al sa jessi inclusîf; e chel unionist che al ponte su lis pôris de int, nol è bon di ufrî alternativis crodibilis al sisteme in vore e si plate daûr dal “no, parcè che di no”. A ‘nd è plui che avonde par resonâi ben parsore, ator pe Europe e ancje in Friûl. ❚
Internazionalitari

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +