Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Minorance

Bete di Spere

Sedi un furlan e vivi a Rome al vûl dî sintîsi simpri in minorance: prin di dut parcè che nissun al sa ben dulà che al sta il Friûl. Cuant che tu contis di dulà che tu rivis ducj si metin a imitâ un acent che al è une vie di mieç tra il venit e il milanês, parcè che Milan al è dispès l’unic puest dal nord dulà che al è stât chel che tu sês che tu fevelis, e il venit lu cognossin un pôc ducj parcè che jere simpri almancul une camarele o une infermire di Vignesie o jù di li ta chei films cun Edwige Fenech e Alvaro Vitali. Cence dismenteâ che nissun al cognòs la diference tra Friûl e Vignesie Julie, o che cuant che tu contis che tu tegnis pal Udin tu ti sintis rispuindi robis come “Sì, va ben, ma in serie A, par ce scuadre tignistu?”.
Ma il brut di jessi un furlan fûr dal Friûl al è che tu rapresentis une minorance linguistiche ancje cuant che tu fevelis par talian. Prime di dut, dopo cinc minûts tu ti nacuarzis che ti cjalin par ledrôs ogni volte che tu disis la peraule “bon” (e se tu fasis doi conts tu scuvierzarâs che a gjavâ ducj i “bon” di un discors par furlan ti reste plui o mancul un tierç). Dopo, tu âs di stâ ben atent a chei che par inglês si clamin “false friends”, i “amîs par fente”, che a son chês peraulis che a samein compagnis di chês de tô lenghe, ma a vuelin dî une altre robe. “In bande” al è propite un di chei, che al samee un che tu ti podis fidâ ma dopo ti tire il tacon: che se tu disis a un, par talian, di meti une robe “li, in parte”, chel ti cjape in peraule al scomence a domandâsi cemût taiâ che robe par metile un toc di une bande e un toc di chê altre. E cuant che tu disis che tu âs un “moroso” ti cjalin cuntune pocje di compassion, parcè che no je une biele robe vê une cjase cun dentri un che no ti paie il fit. E va tu a dî che vê un morôs al è miôr che sedi “vedrana”, che a dî cussì tu fasis piês il tacon dal sbrego. Par no fevelâ di cuant che a vore ti domandin se tu âs fat une robe e ti ven di rispuindi “Sì, ho combinato”, e chel che tu âs li di front a stâ a spietâ di savê ce che al è che tu âs cumbinât: dal sigûr un casin.
E dopo a son peraulis che ancje se no tu riscjis di sconfondilis, tu sintis la lôr mancjance distès, come “sgarfare” e “pengio”, parcè che sì, “frugare” e “denso” a vuelin dî un pressepôc la stesse robe, ma un furlan lu sint, che nol è propite chel distès. Ma ancjemò piês di sedi un furlan fûr dal Friûl al è sedi une furlane fûr dal Friûl, e no par vie di robis come lis oportunitâts om femine e v.i. Ma insome: ce gust puedistu vê a meti un vistît che tu âs a pene comprât e no vê nancje une peraule par dî che tu sês daûr a screâlu?

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +