Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Dut il cine di Pasolini a tamês in France

Edoardo Rizzo
Fotografiis dal Festival e di La Rochelle

Il Festival di La Rochelle, un dai plui impuartants dal Paîs, al à metût dongje une retrospetive complete dai siei films

Il 2022 al pues jessi, plui di ogni altri, l’an just par metisi (e tornâ a metisi) in scolte di une des vôs plui profondis e bielis dal ‘900, no dome parcè che si celebre il centenari de sô nassite, ma ancje parcè che fra trê agns, intal 2025, al sarà il cincuantesim de muart: al è clar che o fevelìn di Pier Paolo Pasolini, nassût ai 5 di Març dal 1922 a Bologne e sassinât ai 2 di Novembar dal 1975 a Ostia.
◆ Come che al sucêt simpri in chestis ocasions, di fat, a son cetantis lis iniziativis par ricuardâ l’om, la opare e il pinsîr, soredut intes citâts là che al à vivût e lavorât – Bologne, Cjasarse e Rome – ma no dome: ancje tal forest, di fat, Pasolini al è cetant amât e al è calcolât un grant. O podìn anzit olsâ di afermâ che se in Italie vuê Pasolini al è vitime di dôs tindincis contrariis che però si riassumin inte stesse sostance – o ben il fat che di une bande al sedi calcolât tant che gjeni e martar, e di chê altre tant che che la contradizion e il scandul personificâts, cul unic risultât di une indisponibilitât gjenerâl a svicinâsi ae sô opare – in France, par esempli, al è calcolât dome un grant autôr, e ce che in fonts e je impuartante e je dome la sô opare.
◆ Ve di fat che il festival plui impuartant dal cine no competitîf francês, il FEMA – Festival La Rochelle di Cinéma – rivât chest an ae sô cincuantesime edizion, al à dedicât ae opare cinematografiche di Pier Paolo une retrospetive integrâl, anticipade intes salis di Parîs di cualchi proiezion in colaborazion cul Istitût di culture talian di Parîs, e che e sta cumò continuant in cualchi cine indipendent de capitâl francese. Apontament amât massime di zovinis e zovins francês cinefii, ma ancje dai plui anzians, chest an il festival di La Rochelle al à presentât, dal prin ai 10 di Lui, plui di 200 cines organizâts in diviersis categoriis: dai omaçs a atôrs e regjiscj vivents, aes retrospetivis su atoris e regjiscj defonts, e tra chei il nestri, une cjalade sul cine portughês, une sezion sul gnûf cine ucrain, e ancje dute une serie di titui in anteprime, cine concierts, cine mut, cine di animazion, lezions e v.i., dut cu la zonte di varis ospits e invidâts.
◆ La retrospetive dedicade a Pier Paolo e je stade in ogni câs la uniche che i è stât pardabon metût dongje un “parcours Pasolinì” (cul acent su la “i”, ae francese): ogni buinore, dulinvie dal festival, une pelicule di Pier paolo e je stade presentade inte “Grand Salle” di esperts e professôrs universitaris, dant cussì al public cetant numerôs plui elements pe comprension dai films che, disìnlu pûr, no simpri a son masse sempliçs di capî inte lôr complessitât. Il stes Pasolini al diseve di fat di domandâi al spetatôr tante atenzion come che e jere la fature che al veve fat lui a zirâ il cine.

◆ La filmografie di Pasolini e cjape dentri luncmetraçs che a son deventâts classics dal cine tant che Accattone (1961), Mamma Roma (1962), Il Vangelo secondo Matteo (1964), Uccellacci e Uccellini (1966), e Teorema (1968), episodis di cines tragjics e comics tant che La Ricotta (1963), La terra vista dalla luna (1967) e Che cosa sono le nuvole (1968); ma ancje documentaris di bielece rare, tant che Comizi d’amore (1964), I sopralluoghi in Palestina per il vangelo secondo Matteo (1965), Appunti per un film sull’India (1968) e Appunti per un’Orestiade africana (1970), fin a rivâ ai films epics tant che Edipo Re (1967), Medea (1969) e chê che i disin Trilogia della vita, che e varès vût di corispuindi a une Trilogia della morte, che di chê Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975) al rapresente l’unic esemplâr realizât, e ancje un spartiaghis inte storie dal cine mondiâl. Une produzion impressionante, se si calcole che e je stade fate in dome 15 agns e intant di tantis altris produzions artistichis: Pasolini di fat al rivà tart al cine, a cuarante agns, dopo vê però za partecipât ae scriture di tantis senegjaturis.
◆ «No dome jo no viôt diference tra Edipo e Medea, ma no viôt diference nancje tra Accattone e Medea, e nancje tante diference tra il Vanzeli e Medea»; cussì al diseve Pasolini intune interviste cuant che al è saltât fûr il film Medea; e al leve indevant afermant che «in pratiche un autôr al fâs simpri il stes film, par almancul un lunc periodi de sô vite, come che il scritôr al scrîf simpri la stesse poesie. A son variantis ancje profondis sul stes teme». Ma cuâl ise alore chest teme? «Il teme, come simpri intai miei films, al è une specie di rapuart ideâl, e simpri cence soluzion, tra mont puar e plebeu, o disìn sotproletariârt e mont cult, borghês, storic».
◆ Zirât in part inte lagune di Grau, plui di precîs in localitât Mota Safon, chest cine nus permet di ricuardâ une altre reson di leam tra il regjist e la nestre regjon, di là di chê palese di Cjasarse e de lenghe furlane. In plui dal rapuart cul poete gradesan Biagio Marin, che il stes Pasolini al à judât a rivâ a une cierte innomine intal panorame de poesie dialetâl taliane, si à di ricuardâ la iniziative dal regjist tra il ’70 e il ’72, cuant che tal cine Cristallo di Grau al à metût sù la Setemane Internazionâl dal Cine, presentant chê volte il Décameron e i Racconti di Canterbury, dopo che intal ’69 al veve presentât Porcile.
◆ E cuissà che, tra il centenari de nassite e il cincuantesim de muart, propit Grau no puedi jessi la sede par une retrospetive, ancje parziâl, des oparis cinematografichis dal poete di Cjasarse. ❚

L’EDITORIÂL / Jù lis mans dal Tiliment

Walter Tomada
Traviersis, cassis di espansion, puints e viadots autostradâi, potenziament dal idroeletric: al mancje dome di metisi a sgjavâ cu lis trivelis par cirî gas o petroli! Ma parcè il Tiliment, che tancj studiôs a stimin jessi l’ultin flum salvadi de Europe, isal sot di dutis chestis menacis, invezit di jessi tutelât e protet cemût che […] lei di plui +

(L)Int Autonomiste / Cui aial pôre de “Cuistion furlane”?

Dree Valcic
✽✽ No ven plui nomenade, sparide dai radars dal dibatiment politic e culturâl. Di “Cuistion furlane” no si ’nt fevele plui. Di cent agns incà e esist chê meridionâl, cjare a Gramsci, e su chê miârs e miârs di students a àn fat tesis di lauree, a son stadis fatis ancjetantis cunvignis, ogjet di ogni […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La “bufule meloniane” e la autonomie inte glacere

Walter Tomada
“Si sin indurmidîts furlans, si sin sveâts melonians”: cun chestis peraulis un cjâr amì al à strent intun sproc sintetic il sens des elezions politichis che pardut a àn viodût a vinci fûr par fûr ancje chenti Fratelli d’Italia, il partît di Giorgia Meloni. Di storic i ai rispuindût che 100 agns fa une dì […] lei di plui +

La anteprime / Cors di furlan par gjornaliscj: consegnâts i atestâts

Redazion
Ai 27 di Setembar, te sede di Udin de Regjon Autonome Friûl-Vignesie Julie, a son stâts consegnâts i atestâts ai vincj gjornaliscj che a àn partecipât al prin cors di lenghe furlane inmaneât de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dal Ordin regjonâl dai gjornaliscj. La consegne dal document ai professioniscj de comunicazion […] lei di plui +